Teoria > Disturbi di personalità > Personalità ansioso-evitanti e fobiche

Personalità ansioso-evitanti e fobiche

   Le personalità ansiose sono caratterizzate dalla consapevolezza di un'angoscia pervasiva, spesso diagnosticata come ansia generalizzata, che include ansie da separazione, castrazione, violazione delle norme morali o annichilimento/disintegrazione. L'angoscia in questo caso non è generalmente attivata da uno specifico impulso conflittuale, bensì ogni impulso può potenzialmente attivare l'angoscia. Le difese tipicamente associate sono quelle di evitamento, ritiro e inadeguatezza.

   Il trattamento deve includere l'esposizione alle situazioni temute, incluso il nominare verbalmente gli stati affettivi, i timori, le fantasie sulle conseguenze. In genere il trattamento delle personalità ansiose richiede una relazione di lunga durata, affettivamente affidabile e non salvifica, che favorisca lo sviluppo di un senso interno di sicurezza.

   Esiste un sottotipo della personalità fobica, definito controfobico, caratterizzato dall'evitamento delle emozioni primarie di paura, il cui piano di trattamento richiede lo sviluppo della consapevolezza delle proprie normali reazioni di paura.